I cattivi consigliori

Pubblicato da Redazione il

Confesso che provo un certo divertimento nel vedere sbraitare il vate di Venezia (Cacciari) che a tavolino disfa governi, pianifica alleanze, sbuffa, borbotta, ma per fortuna, mai nessuno gli dà retta.

E così anche nel caso di quel fulmine di guerra di Scanzi che ha scritto un libro, Renzusconi, convinto che, dopo le politiche, PD e Forza Italia si sarebbero alleati ed è rimasto con un palmo di naso quando i suoi beniamini (il M5S) si sono alleati con il Truce. Immaginava di sostituire Travaglio come alfiere dell’anti-berlusconismo e si è ritrovato a balbettare contro l’ombra di Renzi.

Ora, e qui la cosa si fa comica, spiazzati dal collasso grillino, suggeriscono al M5S, che alla prova del governo si è rivelato quello che realmente è, e cioè una patacca, di ritornare all’opposizione per poter ritornare alle origini. Come nel gioco dell’Oca, torna all’inizio, poi cresce, va al governo e fa le stesse cavolate. Poi torna all’inizio, cresce, va al governo e fa le stesse cavolate, all’infinito. Come a voler dire che i grillini più che abbaiare alla luna non sanno fare.

Casomai, continuano i consigliori, all’opposizione dovrebbero andarci insieme al PD, un grande fronte unito contro il Capitone, così il povero Zingaretti (che sta facendo bene) sarà costretto a cedere quel pò di vigore che ha preso agli anemici grillini.

Che fare allora? Partiamo da un punto. La notizia positiva è che si è dimostrato che non può esistere un bipolarismo populista: si fregano voti a vicenda, cresce la Lega cala il M5S.

A fronte di ciò, cresce il polo dei moderati e riformisti, mentre scompaiono definitivamente quelli della sinistra estrema, fagocitati dai massimalisti veri.

Ciò vuol dire che c’è lo spazio per la creazione di un’area liberal-democratica di centro (che in Europa ha fatto furore) e di un’area socialdemocratica di sinistra. La prima coagulerebbe i voti dei liberali e popolari (Forza Italia, Margherita, cattolici liberali etc) la seconda dovrebbero togliere i voti ai Cinque Stelle e aggregare una sinistra socialista, liberale, riformista.

Il che significa che l’unica strada percorribile non è quella dell’alleanza tra PD e M5S, come Cacciari sbraita da mesi (per favore non ascoltatelo). L’unica via da percorrere è quella che passa per la distruzione elettorale del M5S e per la sua estinzione politica.

Categorie: CommentiFree

Lascia un commento